ATTENZIONE ALLE INIEZIONI DI ACIDO IALURONICO

ATTENZIONE

L'utilizzo di acido ialuronico ad alto peso molecolare e/o di alcuni polimeri a lunga durata d'azione determina un effetto collaterale sconosciuto ai più. 

In particolare, si ha un effetto paradosso per cui la pelle, pur apparendo esteticamente più giovane, a livello microscopico subisce delle alterazioni strutturali che la rendono più vecchia. 


Cerchiamo di capire meglio il problema:
iniettando queste sostanze, anziché stimolare la pelle a produrre da sé gli elementi strutturali di cui ha bisogno, si forniscono direttamente dall'esterno le sostanze "già pronte all'uso".

In questo modo si riducono le capacità di sintesi dei fibroblasti, che diventano meno attivi nel produrre l'acido ialuronico a livello dermico;
l'abbondanza di acido ialuronico nel periodo post-iniezione porta all'iper-attivazione di proteine specializzate nella degradazione di tale sostanza (le metalloproteinasi);
i polimeri di acido ialuronico ad alto peso molecolare/lunga durata stimolano la formazione di collagene fibrotico (vedi oltre).

Si crea così una sorta di "dipendenza" dai filler di acido ialuronico, per cui una volta iniziato il trattamento dev'essere continuato e rinforzato nel tempo (se non si vuole rimanere con una pelle ben peggiore rispetto a quando si è cominciato).
Per questo motivo, nei soggetti giovani, si opta sempre più per l'iniezione di sostanze a basso peso molecolare (es. frammenti di acido ialuronico), 

affiancate da antiossidanti e da fattori in grado di stimolare l'attività di rigenerazione spontanea della cute. 

Lo stesso effetto di stimolazione e rigenerazione si può ottenere tramite l'uso di integratori ricchi di sostanze ad azione antiossidante e antinfiammatoria, di collagene e di acido ialuronico.

Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/benessere/filler-...

0 0
Feed